L’Alpe Tognola si trova a pochi passi dalle Cime della Catena del Lagorai che tra il 1915 e il 1918 furono luogo di sanguinose e dure battaglie tra le forze italiane e quelle austriache. Il primo fronte italiano era infatti dislocato sulle creste della Cima Tognola, che da San Martino di Castrozza scendevano fino alla vallata del Vanoi, mentre le truppe Austriache erano di stanza sulle cime più alte del Lagorai, sulle Cime di Ceremana, sul Colbricon e sulla Cima di Cece.

In seguito alla conquista del fronte Austriaco da parte delle truppe Italiane, avvenuta nell’estate del 1916, le Creste di Cima Tognola divennero una linea di difesa secondaria dove sono però ad oggi ancora presenti diverse testimonianze delle opere belliche realizzate in quegli anni, alcune di esse in buono stato di conservazione. Ancora oggi è possibile imbattersi sulle creste della Cima Tognola in trincee, gallerie e fortificazioni risalenti agli anni della Grande Guerra.

Un’antica mulattiera, ormai in parte invasa dalla vegetazione, sale dalla Malga Tognola alla volta della Cima, salendo dolcemente tra i piccoli laghetti ormai prosciugati ed i rododendri, fino ad arrivare alla cresta ed alle prime fortificazioni.

La quota di partecipazione per questa uscita, comprensiva di biglietto di A/R con la Cabinovia Tognola, escursione guidata con Guida Alpina e merenda al Rifugio Tognola è di € 33,00 a persona.

Tognola è Stephen Fry grazie per la cache a WP Super Cache